BLOG NATALE 2019 , DA ERNEST FERRARI : GRANDI GRUPPI AUTO IN UN MERCATO IN CALO… “

BLOG NATALE 2019

DA ERNEST FERRARI

“GRANDI GRUPPI AUTO IN UN MERCATO IN CALO.”

___________

I) INTRO : UNA GRANDE ALLEANZA FRAGILE : FCA+PSA+?

     La logica degli ingegneri  del settore Auto è sempre vulnerabile, e lo è, per lo meno, quanto quella dei chiromanti. In questi giorni, per esempio. è nato dalla fusione FCA+PSA un altro gigante dell’Auto. Complimenti ! Evviva la coppia manageriale Elkann-Manley. Dovrebbe durare a lungo, ma nessuno può dire quali sono le ambizioni e le fragilità degli uomini oggi al comando.

     Un binomio al comando di una grande Azienda non è una garanzia di  successo ; al contrario ! Può dare origine a una faida insanabile… o all’uscita di uno dei contendenti. L’ambizione non condivisa è certamente nemica del business… se non subito, col tempo. Il caso di un grande manager (lo era!.. prima di andare in galera) come Carlos Ghosn,vale per dieci e non si dimenticherà presto… né in Casa Renault, né in Casa Nissan.

         E in Casa Fiat-Lancia-Alfa ? e in Casa Peugeot-Citroen ? Due Aziende di famiglie tradizionali del settore automobilistico… con le solite rivalità tra manager di primo livello e/o proprietà. In Fiat Auto, si sviluppò un antagonismo nefasto trà Vittorio Ghidella  e Cesare Romiti , a scapito del primo, che non era il peggiore. Grazie al caso, arrivò Marchionne.

        Della  Peugeot-Citroen-etc, si parla a sufficienza in questi giorni di trattative (oggi concluse) con FCA per  far nascere il nuovo Gruppo gigante dell’Automobile FCA-PSA che include, grazie in particolare,  a Marchionne, l’Azienda Chrysler … e la nascita di una Casa automobilistica euro-americana. Colpo di genio più che di fortuna.

II) … “DEL DOMAN NON C’E’ CERTEZZA” (LORENZO IL MAGNIFICO).

          Il mercato automobilistico mondiale dei prossimi cinque o sei anni non è particolarmente favorevole all’industria italiana dell’automobile. A varie riprese, abbiamo affermato la nostra opinione secondo la quale lo sviluppo dell’industria (Auto) si svolge e si svolgerà in Asia (Cina; India…) e/o in America. 

           Per quanto concerne l’America, del Nord in particolare, le peripezie in atto (eventuale impeachment del Presidente Trump,etc.) non freneranno -salvo sorprese- il boom in atto dell’ economia USA. Il ché, per quanto riguarda l’Italia , indurrebbe a concentrare lo sforzo economico del nostro Paese sull’Automobile (Chrysler, certo, ma anche altre marche) ci sembra essere una via preferenziale.

           Ma quali sono, le eventuali insufficienze dell’Automobile, dell’industia automobilistica italiana, e del business corrispondente ? A voler ottenere risultati positivi e durevoli, è necessario cancellare dai pregiudizi (pluri) secolari sfavorevoli nei confronti dell’Italia, quelli che riguardano la qualità del prodotto, l’efficienza nei servizi, l’onestà degli addetti teoricamente , ma non effettivamente inefficaci. La cosa si chiama psicologia applicata al business.

          Sia ben chiaro che l’errore commesso , anche senza volerlo, da un onesto addetto ai lavori, distrugge gli sforzi da lui compiuti per migliorare la propria immagine nei confronti del cliente, anche se quest’ultimo è del tutto disonesto e a-morale.

III) CONCLUSIONI : UNA GRANDE ALLEANZA DUREVOLE.

            Il gioco delle parti delle grandi marche automobilistiche in forte crescita, si svolge ovviamente tra Titani o apprendisti Titani, che si conoscono e si riconoscono da decenni. La gerarchia delle marche ,stilata in termini monetari e in termini di volumi venduti nei grandi mercati automobilistici, è il primo elemento preso in conto. Gli elementi successivi consistono in una serie di negoziazioni tra le parti ritenute utili, dopo eliminazione delle marche non idonee e delle aree economiche ritenute non idonee.

                 Va da sé che una Grande alleanza -per esempio a livello europeo, oppure occidentale (USA+Canada+Paesi Nato) , o ancora transcontinentale (Europa + Nord Africa e/o ex Colonie)  è difficile, se non impossibile,  da sciogliere. Per questa ed altre ragioni, è indispensabile, per un operatore, dare uno sguardo “oltre le abitudini rassicuranti”:  Chi potrebbe impedire, oggi,  la nascita di un progetto di collaborazione , o di fusione, tra la Cina e altre nazioni ?

Nessuno. Ma quale potrebbe essere la “strada” preferibile per l’Italia e dell’Auto ? Il Blog successivo lo dirà.

______________________

Work in progress / Lavori in corso

Testo completo e  definitivo

Scritto a Roma  da Ernest Ferrari, dal 20 dicembre 2019 al 3 gennaio 2020.