FLASH 20 MAGGIO 2019 : “PER FAVORE, NON DISTRUGGETECI L’AUTOMOBILE… ” ; DA ERNEST FERRARI

FLASH 20 MAGGIO 2019 :

Riflessioni su tre sentenze della Corte d’appello di Parigi / Réflexions sur trois sentences de la Cour d’appel de Paris.

“PER FAVORE, NON DISTRUGGETECI L’AUTOMOBILE…”

(” S’IL VOUS PLAIT, NE NOUS DETRUISEZ PAS L’AUTOMOBILE …”)

DA/ PAR ERNEST FERRARI

  _________

I) Sminuire la Concorrenza non è il modo migliore di stimolare la domanda, né di eliminare le pratiche illecite nel commercio delle automobili .

(Réduire à peu de choses la Concurrence n’est pas le meilleur moyen de stimuler la demande, ni d’éliminer les comportements illicites dans le commerce automobile).

Le tre sentenze, di cui abbiamo già scritto (fin troppo?) nei giorni scorsi, sono state commentate nei Blog di questo nostro sito. Nei tre casi,l’Autorità francese della Concorrenza (A.D.L.C.) e la Corte d’appello di Parigi hanno ottenuto soddisfazione, respingendo le richieste dei Riparatori che chiedevano semplicemente di ottenere lo status di “Riparatori Autorizzati”, come previsto dalla Commissione europea per i Riparatori che rispettano i criteri qualitativi (standard) definiti dalle case concedenti.

A nostro avviso, si tratta di una decisione assai discutibile in sé per non dire altro, e tale da costituire un grave vulnus alla libera concorrenza, che l’A.D.L.C.  dovrebbe invece (mi si perdoni… ) far crescere o rafforzare.

II) Perché l’Automobile/pourquoi l’Automobile ?

L’Automobile è centrale, essenziale, insostituibile, nelle attività industriali, dunque nell’economia (turismo incluso),  dei paesi europei.Lo è in partico – lare per l’Italia, che da sempre sa produrre automobili, che vanno dalle vetture di maggior prestigio (Ferrari ; Maserati…) alle utilitarie accessibili a molti (Panda… e 500 “Versione Dante Giacosa”( Perché no?) … ).

Con Marchionne , la Fiat è diventata FCA , è  cresciuta, opera su tutti i continenti  ; così hanno fatto, “mutatis mutandem” tutte le Case automo- bilistiche. Così, inoltre e soprattutto, si sono moltiplicate le marche, i modelli, e le Aziende locali (Concessionarie; Organizzate ; Riparatori) ; l’Automobile è diffusa dovunque, e soltanto chi non vive in questo mondo può credere che l’economia mondiale può fare a meno delle Automobili.

Si tratta, ora, per gli operatori del settore automobilistico, di contrastare le eventuali entità politiche retrogradi , memore del ’68 (c’ero anch’io, a Parigi) che mortificavano l’uso dell’automobile in quanto oggetto consumeristico e pertanto alienante…  Roba da chiodi e tempo sprecato.

Tuttavia, il mio Blog precedente (vedi sopra) mette in luce un aspetto ben più pericoloso per l’Automobile : un vulnus alla libera Concorrenza, da parte della Corte d’appello di Parigi, tramite… “l’Autorità (francese) della Concorrenza”. (Mio Blog 17 maggio : “Reagire a  tre sentenze negative della Corte d’appello di Parigi”. ) 

III) Conclusione provvisoria/conclusion provisoire :

L’Automobile resiste in modo esemplare all’ingegno… degli ingegneri , e a quello degli ingenui, senza contare i busnessmen o miliardari fantasiosi.  Con la vettura senza conducente ( Tesla oggi e qualcos’altro domani), potrebbe aver inizio il declino dell’Automobile; e magari un revival della locomotiva a vapore, se non del calesse.

_________

 Testo  definitivo e completo, salvo ripensamenti, scritto a Roma il 20 maggio 2019, da Ernest Ferrari.