“SOGNI DI GLORIA, FESTIFICAZIONI DI SABBIA E RESA PROBABILE DEGLI INCONTINENTI DEL VERBO” DA ERNEST FERRARI- 3 GENNAIO 2019.

“SOGNI DI GLORIA, FESTIFICAZIONI DI SABBIA E RESA PROBABILE DEGLI INCONTINENTI DEL VERBO. “

DA ERNEST FERRARI-3 GENNAIO 2019

_________________-

I) “SOGNI DI GLORIA.”

      I sogni di gloria erano quelli dei populisti M5S , Grillo in testa. Ma da ieri sera, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ,che il Di Maio voleva eliminare tempo fa dalla scena politica, tramite impeachment , ha dimos- trato una volta ancora che esiste da sempre una Politica italiana e dei politici italiani, di altissimo livello. Come Alcide De Gasperi, Aldo Moro, Sandro Pertini, Ugo La Malfa, Enrico Berlinguer… 

        La  gloria , purtroppo per chi la sta sognando senza meritarla, non è da distribuire come il “reddito di cittadinanza”, avatar odierno dell’assisten- zialismo tradizionale ; la gloria si merita. Punto. I sogni di gloria, invece sono a disposizione di tutti. E possono suscitare ambizioni smisurate, se si considera che Napoleon(e) Buonaparte/Bonaparte è un caso unico di gloria meritata, oltre che esemplare, nella storia della nostra civiltà.

          “Fu vera gloria?“, si domandò il Manzoni, che come sappiamo, rispose a se stesso : “Ai posteri l’ardua sentenza”.

II) “FESTIFICAZIONI DI SABBIA”.     

             La parola “festificazione“, che ho inventata il 3 gennaio 2019 (setta- ntatreesimo compleanno del sottoscritto) è un barbarismo che potrebbe , al massimo, diventare un neologismo sgraziato, ma  utile. Come è ovvio, la parola “festificazione” è costruita sul modello di “fortificazione” , il cui significato è noto a tutti.

              Così come la fortificazione è una costruzione fisica (mura) per proteggersi dalla violenza fisica, la “festificazione” potrebbe essere un ricorso alle  attività ludiche (le feste) per evitare di affrontare  i problemi dell’esistenza , dalle  liti in famiglia alle perdite in borsa (o a briscola…) , alla fuga davanti al nemico in guerra, alle cause civili o penali, etc. Va da sé che che una strategia di questo tipo è fragile, “di sabbia“.

III) “RESA PROBABILE DEGLI INCONTINENTI DEL VERBO.” 

                Chi rifiuta sistematicamente di affrontare le difficoltà dell’esistenza (la sua; quella dei suoi prossimi; quella di chi ha perso senza colpa..)è spesso, oltre che un vigliacco,  un parlatore di talento . Gli incontinenti del verbo non risolvono nulla, ma riescono a fare “bella figura” in società.

                  Tanto per non cambiare, la politica-senza-maiuscola nutre   l’illusione di salvare la patria, il popolo lavoratore, i dannati della terra, i titoli in portafoglio un giorno, il sindacato il giorno successivo, e naturalmente chi sa fare meglio di essa (la politica senza maiuscola, il buon senso) o di chiunque altro.

                     Meglio di Merkel, per esempio ; meglio di Macron ; meglio di Papa Francesco… Resta il fatto che il populismo ha due caratteristiche : parla molto ; e la sua resa è certa.

________________

SCRITTO A ROMA DA ERNEST FERRARI IL 3 GENNAIO 2019.

TESTO DEFINITIVO.

Autore: Ernest Ferrari

PRIME CONSIDERAZIONI : L'AUTOMOBILE HA DUE ANIME : DA UN LATO, SERVE A TRASPORTARE LE PERSONE E GLI OGGETTI DA UN PUNTO AD UN ALTRO. D'ALTRO LATO, E' UN FORMIDABILE FATTORE DI INCREMENTO DELLA LIBERTA' INDIVIDUALE DEGLI ESSERI UMANI. DETTO QUESTO, NON MI SONO MAI INNAMORATO DEL PRODOTTO " AUTOMOBILE". E NEMMENO OGGI O FRA 10 ANNI PERDERO' LA TESTA PER UNA MACCHINA, MALGRADO GLI INVESTIMENTI IMPONENTI DELLE CASE AUTOMOBILISTICHE PER RENDERLO TECNICAMENTE ED ESTETICAMENTE PERFETTO . PER ME, CONTA LA DISTRIBUZIONE (VENDITA) E LA RIPARAZIONE DEL PRODOTTO. IN UNA PAROLA : MI INTERESSA IL MERCATO E SOLTANTO IL MERCATO . INOLTRE, CREDO CHE CHI SI INNAMORA DELLE MACCHINE NON OTTIMIZZA MAI IL BUSINESS DELLA PROPRIA AZIENDA. MOLTE VOLTE , NE HO AVUTO LA PROVA.