SIMBIOSI (NUOVO BLOG+NUOVA CONSULENZA 2019) 18 DICEMBRE 2018, DA ERNEST FERRARI : “UNA SOLA CARTUCCIA PER DUE BERSAGLI”.

SIMBIOSI (NUOVO BLOG + NUOVA CONSULENZA 2019)

18 DICEMBRE 2018, DA ERNEST FERRARI : 

“UNA SOLA CARTUCCIA PER DUE BERSAGLI.”

_______________

I) INTRODUZIONE . 

       Karl von Clausewitz, grande stratega tedesco, affermava che la Politica altro non è che “la Guerra perseguita con altri mezzi” … o viceversa ? “la Guerra altro non è che la Politica perseguita con altri mezzi“(approx…. traduzione  dal tedesco, da E.F.). Pur non avendo verificato se il Di Maio è dello stesso avviso, ritengo che Clausewitz aveva ragione, ieri come oggi.

        Certo, La politica europea, come quella italiana, non si riferisce diret- tamente alla guerra, che mira alla distruzione dell’avversario. Qui ed oggi, tuttavia, la Politica ha ancora per scopo, neanche tanto mascherato l’elim- inazione degli avversari.  Da questo punto di vista, la Politica sta eliminando la guerra , ma soltanto quella aperta, dichiarata,  e soltanto nel nostro Continente. Nel resto del mondo , il panorama è ben diverso.

            Scendendo al livello delle  Aziende di distribuzione e/o riparazioni del settore automobilistico/Automotive, dove gli Operatori devono , “volens-nolens”, affrontare DUE gruppi di avversari maggiori : 

  • Le Aziende direttamente concorrenti, presenti sullo stesso territorio (es: Piemonte) che rappresentano le stesse marche.
  • Le Case concedenti (es: Gruppo Fiat) delle marche direttamente concor- renti.

II) GLI AVVERSARI MAGGIORI DELL’AZIENDA E COME AFFRONTARLI.

          Sotto il fuoco incrociato delle Aziende direttamente concorrenti da un lato, e delle Case concedenti dall’altro, l’Azienda deve reinventarsi, con lo scopo di sconfiggere gli avversari, o quanto meno , di indurli a rinunciare allo scontro, in considerazione dell’efficace resilienza dell’Azienda . Ossia : quando anche il più forte  teme di dover affrontare danni troppo gravi (soldi e prestigio) per rincorrere l’eventuale vittoria.

            Da lì ad ammettere che il titolare di una Concessionaria deve occuparsi attivamente di strategia commerciale, il passo sembra breve, e lo è… anche se ci si allontana dalla vendita di un prodotto (l’automobile) o di un servizio (la riparazione). E’ peraltro palese che le Case concedenti non vedono di buon occhio delle Aziende di nuovo tipo,  strutturate per definire ed applicare una loro propria strategia, diversa da quelle sponsorizzate dalle Case.

            Tra le scelte strategiche disponibili per gli Operatori, sappiamo da sempre che l’attività  “multi marche” rimane  una scelta vincente. Tuttavia, questa caratteristica non basta più. Chi , tra i Concessionari  e gli altri Operatori, ha per obiettivo di dominare il mercato affidatogli, deve sempre essere capace di innovare nell’attività “day by day” , come nella strategia che avrà adottato per la sua Azienda.

                                                                  ____________

TESTO DEFINITIVO E COMPLETO… SALVO                                                                                 RIPENSAMENTI DELL’AUTORE 

SCRITTO A ROMA DA ERNEST FERRARI IL 18 DICEMBRE 2018.

Autore: Ernest Ferrari

PRIME CONSIDERAZIONI : L'AUTOMOBILE HA DUE ANIME : DA UN LATO, SERVE A TRASPORTARE LE PERSONE E GLI OGGETTI DA UN PUNTO AD UN ALTRO. D'ALTRO LATO, E' UN FORMIDABILE FATTORE DI INCREMENTO DELLA LIBERTA' INDIVIDUALE DEGLI ESSERI UMANI. DETTO QUESTO, NON MI SONO MAI INNAMORATO DEL PRODOTTO " AUTOMOBILE". E NEMMENO OGGI O FRA 10 ANNI PERDERO' LA TESTA PER UNA MACCHINA, MALGRADO GLI INVESTIMENTI IMPONENTI DELLE CASE AUTOMOBILISTICHE PER RENDERLO TECNICAMENTE ED ESTETICAMENTE PERFETTO . PER ME, CONTA LA DISTRIBUZIONE (VENDITA) E LA RIPARAZIONE DEL PRODOTTO. IN UNA PAROLA : MI INTERESSA IL MERCATO E SOLTANTO IL MERCATO . INOLTRE, CREDO CHE CHI SI INNAMORA DELLE MACCHINE NON OTTIMIZZA MAI IL BUSINESS DELLA PROPRIA AZIENDA. MOLTE VOLTE , NE HO AVUTO LA PROVA.