“AUTOMOTIVE : “E COMMERCE OR BRICKS AND MORTAR ?” L’ E-COMMERCE E L’AVVENIRE DELLE RETI DI DISTRIBUZIONE.” DA ERNEST FERRARI ; 27 DICEMBRE 2017

“E-COMMERCE OR BRICKS AND MORTAR ? “

“AUTOMOTIVE : L’E-COMMERCE E L’AVVENIRE DELLE RETI DI DISTRIBUZIONE.”

DA ERNEST FERRARI (27/28 DICEMBRE 2017)

____________

I) CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE.

       L’ANNO SOLARE CHE STA PER CHIUDERSI, HA TENUTO LE SUE PROMESSE; E MAGARI ANCHE LA MIA : IL MERCATO ITALIANO DELL’ AUTOMOBILE CONSUNTIVERA’ VEROSIMILMENTE DUE MILIONI DUECENTOMILA IMMATRICOLAZIONI NEL PERIODO SETTEMBRE 2017- AGOSTO 2018 (ANNO AUTOMOBILISTICO). NON E’ UN RECORD ASSOLUTO SU DODICI MESI , MA E’ UNO DEI SEGNALI  DI PASSAGGIO DEL PAESE “DALLA RIPRESA  ALL’ESPANSIONE(L’ESPRESSIONE E’ DI MARIO DRAGHI ) .

         QUESTA ESPANSIONE AVVIENE NONOSTANTE IL DIESELGATE  , E MALGRADO GLI INVESTIMENTI SPRECATI DELL’INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA PERCHE’ DEDICATI ALLE CHIMERE ABITUALI , COME L’ELETTRICO E LA VETTURA SENZA AUTISTA. VA DA SE’ CHE UN EURO “INVESTITO” SU UNA CHIMERA, E’ UN EURO IN MENO DA DEDICARE ALLO SVILUPPO DEL BUSINESS AUTOMOBILISTICO.

          ORA, I CONCESSIONARI, ORGANIZZATI, RIPARATORI, HANNO EFFET -TIVAMENTE INVESTITO MOLTO, ED INVESTONO MOLTO, NELLA LORO ATTIVITA’, PARTICOLARMENTE  NELLE PREMISES DELLE LORO AZIENDE. A FRONTE DI QUESTA BEN NOTA REALTA’ , SI STA PROFILANDO ALL’ORIZZONTE LA MINACCIA DI UNO SVILUPPO DELL’ “E-COM- MERCE” PER LA VENDITA  DELLE VETTURE NUOVE E DEGLI ALTRI VEICOLI. IL CHE’, DETTO IN SINTESI, SI TRADURREBBE FORSE CON UNA PERDITA DI VALORE (BRUTALE O PROGRESSIVA) DEGLI IMPIANTI DELLE AZIENDE .

II) QUALE CLIENTELA PER L’E-COMMERCE DELLE AUTO, VEICOLI, SCOOTER E MOTOCICLI  ?

        A)   LA CLIENTELA POTENZIALE NON MANCA:

  • IN PRIMA BATTUTA, SI TRATTA DI ACQUIRENTI POTENZIALI, GIOVANI E MENO GIOVANI, GIA’ ABITUATI AGLI ACQUISTI DI VARI OGGETTI PRESSO AMAZON E CONFRATELLI…
  • … O TENTATI DA QUESTO TIPO DI COMMERCIO, CONSIDERATO IL NON PLUS ULTRA IN FATTO DI STATUS /ACCESSO ALLA LEADERSHIP DI UN GRUPPO DI AMICI O CONOSCENTI.
  • SONO/SARANNO INTERESSATI ANCHE I CLIENTI ABITUALI DI UNA CONCESSIONARIA (PER ESEMPIO) IN DIFFICOLTA’.
  • ETC. ETC.

B)      MA L’AUTOMOBILE NON E’ UN PRODOTTO BANALE ; OPPURE SI?

  • L’ACQUISTO DI UN’AUTOMOBILE E’ ANCORA UNA FESTA ?  SI, E LO RIMARRA’ PER MOLTA GENTE E PER  LUNGO TEMPO :   LA FORZA DELL’ABITUDINE (“VADO IN CONCESSIONARIA” )  E IL PIACERE DI TOCCARE CON MANO L’OGGETTO “CARO” (NEI DUE SENSI DELLA PAROLA)  CHIAMATO “LA MIA AUTO”,  NON SONO POCA COSA.  E POI, C’E’ IL GUSTO DELLA  TRATTATIVA, IL PRESTIGIO DI ESIBIRSI CON LA NUOVA VETTURA, ETC. ETC.
  • SULL’ALTRO PIATTO DELLE BILANCIA, TUTTAVIA,C’E’ IL MONDO CHE CAMBIA, PER GLI ACQUISTI  COME PER  LA GESTIONE DEL TEMPO DISPONIBILE, E C’E’ IL “MUST” DELL’INTERNET : DIMMI COME TI INFORMI, DIMMI  COME TI COLLEGHI, DIMMI COME COMPRI, E TI DIRO’ CHI SEI”.
  • ORA, IL COMMERCIO AUTOMOBILISTICO (TROPPO) CLASSICO, QUELLO CHE SI PRATICA NELLE AZIENDE DI DISTRIBUZIONE DELLE AUTOMOBILI, NON E’ SOSTANZIALMENTE CAMBIATO NEI DECENNI.
  • LA RAGIONE ESSENZIALE DI QUESTO IMMOBILISMO E’ L’OGGETTO CHIAMATO AUTOMOBILE.  LE SPECIFICITA’ DEL PRODOTTO, LA NECESSITA’ DI ESPORLO IN LOCALI SPECIFICI, E DI FARLO PROVARE SULLE STRADE CONTRADDISTINGUONO L’AUTOMOBILE (E GLI ALTRI PRODOTTI DELL”AUTOMOTIVE”)  RISPETTO ALLA QUASI TOTALITA’ DEI PRODOTTI VENDUTI TRAMITE  E-COMMERCE. 

III) CONCLUSIONI (NON TROPPO) PROVVISORIE ; AVVISI AI… NAVIGANTI SUL WEB . 

  1. L’E-COMMERCE STA TRIONFANDO A LIVELLO  MONDIALE, PERCHE’  VELOCIZZA LE TRANSAZIONI E NE RIDUCE IL COSTO.
  2. IL COMMERCIO “TRADIZIONALE” DELLE AUTOMOBILI DOVRA’ ADATTARSI ALL’E-COMMERCE , MODIFICANDO/SEMPLIFICANDO LA PROPRIA OFFERTA DI PRODOTTO, I TEMPI DI CONSEGNA, I COSTI DEL DELLA COMMERCIALIZZAZIONE, IL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE , E IN PARTICOLARE IL PESO ECONOMICO DELLE RETI DI MARCA. 
  3. PER QUANTO CONCERNE IL PRODOTTO, ALCUNE MARCHE BEN NOTE (MA CHE NON CITEREMO IN QUESTO BLOG) DISPONGONO OGGI DI UNA SERIE DI PRODOTTI  COMPATIBILI CON L’E-COMMERCE. ALCUNI MODELLI SONO IN VENDITA.
  4. A NOSTRO AVVISO, LE MARCHE PARZIALMENTE O TOTALMENTE SPROVVEDUTE DI MODELLI  “E/C”) DISPONGONO DI UN PERIODO DI TRE/CINQUE ANNI PER SVILUPPARE UNA GAMMA “E-COMMERCE”.
  5. PER VARIE RAGIONI, E’ POSSIBILE CHE LA COMMERCIALIZZAZIONE DI MOTOCICLI E SCOOTER VIA “E-COMMERCE” SIA RAPIDAMENTE ATTUABILE.
  6. DETTO QUANTO PRECEDE, LA PREVALENZA IN TERMINI DI CONSEGNE E FATTURATO DEL COMMERCIO AUTOMOBILISTICO TRADIZIONALE SULL’ E-COMMERCE DURERA’ ANCORA A LUNGO (DIECI ANNI?). 
  7. ALLE CONCESSIONARIE/ORGANIZZATE/OFFICINE AUTORIZZATE , CONVERREBBE COMUNQUE RIORGANIZZARE LA PROPRIA AZIENDA IN UN OTTICA DI  SERVIZIO PREMIUM ALLA CLIENTELA …. SE NON ALTRO, PER CONSERVARE LA CLIENTELA ACQUISITA E LA PROPRIA AZIENDA
  8. CON UNA DECISA APERTURA ALL’ E-COMMERCE.   

__________________

 TESTO DEFINITIVO, SCRITTO DA ERNEST FERRARI

NEI GIORNI 27/28 DICEMBRE 2017.

Autore: Ernest Ferrari

PRIME CONSIDERAZIONI : L'AUTOMOBILE HA DUE ANIME : DA UN LATO, SERVE A TRASPORTARE LE PERSONE E GLI OGGETTI DA UN PUNTO AD UN ALTRO. D'ALTRO LATO, E' UN FORMIDABILE FATTORE DI INCREMENTO DELLA LIBERTA' INDIVIDUALE DEGLI ESSERI UMANI. DETTO QUESTO, NON MI SONO MAI INNAMORATO DEL PRODOTTO " AUTOMOBILE". E NEMMENO OGGI O FRA 10 ANNI PERDERO' LA TESTA PER UNA MACCHINA, MALGRADO GLI INVESTIMENTI IMPONENTI DELLE CASE AUTOMOBILISTICHE PER RENDERLO TECNICAMENTE ED ESTETICAMENTE PERFETTO . PER ME, CONTA LA DISTRIBUZIONE (VENDITA) E LA RIPARAZIONE DEL PRODOTTO. IN UNA PAROLA : MI INTERESSA IL MERCATO E SOLTANTO IL MERCATO . INOLTRE, CREDO CHE CHI SI INNAMORA DELLE MACCHINE NON OTTIMIZZA MAI IL BUSINESS DELLA PROPRIA AZIENDA. MOLTE VOLTE , NE HO AVUTO LA PROVA.