“AUTOMOTIVE : “E COMMERCE OR BRICKS AND MORTAR ?” L’ E-COMMERCE E L’AVVENIRE DELLE RETI DI DISTRIBUZIONE.” DA ERNEST FERRARI ; 27 DICEMBRE 2017

“E-COMMERCE OR BRICKS AND MORTAR ? “

“AUTOMOTIVE : L’E-COMMERCE E L’AVVENIRE DELLE RETI DI DISTRIBUZIONE.”

DA ERNEST FERRARI (27/28 DICEMBRE 2017)

____________

I) CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE.

       L’ANNO SOLARE CHE STA PER CHIUDERSI, HA TENUTO LE SUE PROMESSE; E MAGARI ANCHE LA MIA : IL MERCATO ITALIANO DELL’ AUTOMOBILE CONSUNTIVERA’ VEROSIMILMENTE DUE MILIONI DUECENTOMILA IMMATRICOLAZIONI NEL PERIODO SETTEMBRE 2017- AGOSTO 2018 (ANNO AUTOMOBILISTICO). NON E’ UN RECORD ASSOLUTO SU DODICI MESI , MA E’ UNO DEI SEGNALI  DI PASSAGGIO DEL PAESE “DALLA RIPRESA  ALL’ESPANSIONE(L’ESPRESSIONE E’ DI MARIO DRAGHI ) .

         QUESTA ESPANSIONE AVVIENE NONOSTANTE IL DIESELGATE  , E MALGRADO GLI INVESTIMENTI SPRECATI DELL’INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA PERCHE’ DEDICATI ALLE CHIMERE ABITUALI , COME L’ELETTRICO E LA VETTURA SENZA AUTISTA. VA DA SE’ CHE UN EURO “INVESTITO” SU UNA CHIMERA, E’ UN EURO IN MENO DA DEDICARE ALLO SVILUPPO DEL BUSINESS AUTOMOBILISTICO.

          ORA, I CONCESSIONARI, ORGANIZZATI, RIPARATORI, HANNO EFFET -TIVAMENTE INVESTITO MOLTO, ED INVESTONO MOLTO, NELLA LORO ATTIVITA’, PARTICOLARMENTE  NELLE PREMISES DELLE LORO AZIENDE. A FRONTE DI QUESTA BEN NOTA REALTA’ , SI STA PROFILANDO ALL’ORIZZONTE LA MINACCIA DI UNO SVILUPPO DELL’ “E-COM- MERCE” PER LA VENDITA  DELLE VETTURE NUOVE E DEGLI ALTRI VEICOLI. IL CHE’, DETTO IN SINTESI, SI TRADURREBBE FORSE CON UNA PERDITA DI VALORE (BRUTALE O PROGRESSIVA) DEGLI IMPIANTI DELLE AZIENDE .

II) QUALE CLIENTELA PER L’E-COMMERCE DELLE AUTO, VEICOLI, SCOOTER E MOTOCICLI  ?

        A)   LA CLIENTELA POTENZIALE NON MANCA:

  • IN PRIMA BATTUTA, SI TRATTA DI ACQUIRENTI POTENZIALI, GIOVANI E MENO GIOVANI, GIA’ ABITUATI AGLI ACQUISTI DI VARI OGGETTI PRESSO AMAZON E CONFRATELLI…
  • … O TENTATI DA QUESTO TIPO DI COMMERCIO, CONSIDERATO IL NON PLUS ULTRA IN FATTO DI STATUS /ACCESSO ALLA LEADERSHIP DI UN GRUPPO DI AMICI O CONOSCENTI.
  • SONO/SARANNO INTERESSATI ANCHE I CLIENTI ABITUALI DI UNA CONCESSIONARIA (PER ESEMPIO) IN DIFFICOLTA’.
  • ETC. ETC.

B)      MA L’AUTOMOBILE NON E’ UN PRODOTTO BANALE ; OPPURE SI?

  • L’ACQUISTO DI UN’AUTOMOBILE E’ ANCORA UNA FESTA ?  SI, E LO RIMARRA’ PER MOLTA GENTE E PER  LUNGO TEMPO :   LA FORZA DELL’ABITUDINE (“VADO IN CONCESSIONARIA” )  E IL PIACERE DI TOCCARE CON MANO L’OGGETTO “CARO” (NEI DUE SENSI DELLA PAROLA)  CHIAMATO “LA MIA AUTO”,  NON SONO POCA COSA.  E POI, C’E’ IL GUSTO DELLA  TRATTATIVA, IL PRESTIGIO DI ESIBIRSI CON LA NUOVA VETTURA, ETC. ETC.
  • SULL’ALTRO PIATTO DELLE BILANCIA, TUTTAVIA,C’E’ IL MONDO CHE CAMBIA, PER GLI ACQUISTI  COME PER  LA GESTIONE DEL TEMPO DISPONIBILE, E C’E’ IL “MUST” DELL’INTERNET : DIMMI COME TI INFORMI, DIMMI  COME TI COLLEGHI, DIMMI COME COMPRI, E TI DIRO’ CHI SEI”.
  • ORA, IL COMMERCIO AUTOMOBILISTICO (TROPPO) CLASSICO, QUELLO CHE SI PRATICA NELLE AZIENDE DI DISTRIBUZIONE DELLE AUTOMOBILI, NON E’ SOSTANZIALMENTE CAMBIATO NEI DECENNI.
  • LA RAGIONE ESSENZIALE DI QUESTO IMMOBILISMO E’ L’OGGETTO CHIAMATO AUTOMOBILE.  LE SPECIFICITA’ DEL PRODOTTO, LA NECESSITA’ DI ESPORLO IN LOCALI SPECIFICI, E DI FARLO PROVARE SULLE STRADE CONTRADDISTINGUONO L’AUTOMOBILE (E GLI ALTRI PRODOTTI DELL”AUTOMOTIVE”)  RISPETTO ALLA QUASI TOTALITA’ DEI PRODOTTI VENDUTI TRAMITE  E-COMMERCE. 

III) CONCLUSIONI (NON TROPPO) PROVVISORIE ; AVVISI AI… NAVIGANTI SUL WEB . 

  1. L’E-COMMERCE STA TRIONFANDO A LIVELLO  MONDIALE, PERCHE’  VELOCIZZA LE TRANSAZIONI E NE RIDUCE IL COSTO.
  2. IL COMMERCIO “TRADIZIONALE” DELLE AUTOMOBILI DOVRA’ ADATTARSI ALL’E-COMMERCE , MODIFICANDO/SEMPLIFICANDO LA PROPRIA OFFERTA DI PRODOTTO, I TEMPI DI CONSEGNA, I COSTI DEL DELLA COMMERCIALIZZAZIONE, IL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE , E IN PARTICOLARE IL PESO ECONOMICO DELLE RETI DI MARCA. 
  3. PER QUANTO CONCERNE IL PRODOTTO, ALCUNE MARCHE BEN NOTE (MA CHE NON CITEREMO IN QUESTO BLOG) DISPONGONO OGGI DI UNA SERIE DI PRODOTTI  COMPATIBILI CON L’E-COMMERCE. ALCUNI MODELLI SONO IN VENDITA.
  4. A NOSTRO AVVISO, LE MARCHE PARZIALMENTE O TOTALMENTE SPROVVEDUTE DI MODELLI  “E/C”) DISPONGONO DI UN PERIODO DI TRE/CINQUE ANNI PER SVILUPPARE UNA GAMMA “E-COMMERCE”.
  5. PER VARIE RAGIONI, E’ POSSIBILE CHE LA COMMERCIALIZZAZIONE DI MOTOCICLI E SCOOTER VIA “E-COMMERCE” SIA RAPIDAMENTE ATTUABILE.
  6. DETTO QUANTO PRECEDE, LA PREVALENZA IN TERMINI DI CONSEGNE E FATTURATO DEL COMMERCIO AUTOMOBILISTICO TRADIZIONALE SULL’ E-COMMERCE DURERA’ ANCORA A LUNGO (DIECI ANNI?). 
  7. ALLE CONCESSIONARIE/ORGANIZZATE/OFFICINE AUTORIZZATE , CONVERREBBE COMUNQUE RIORGANIZZARE LA PROPRIA AZIENDA IN UN OTTICA DI  SERVIZIO PREMIUM ALLA CLIENTELA …. SE NON ALTRO, PER CONSERVARE LA CLIENTELA ACQUISITA E LA PROPRIA AZIENDA
  8. CON UNA DECISA APERTURA ALL’ E-COMMERCE.   

__________________

 TESTO DEFINITIVO, SCRITTO DA ERNEST FERRARI

NEI GIORNI 27/28 DICEMBRE 2017.

BLOG 12 DICEMBRE 2017 : ” … IL 2018 E’ GIA’ INIZIATO” DA ERNEST FERRARI

BLOG 12 DICEMBRE 2017

IL 2018 E’ GIA’ INIZIATO ; DA ERNEST FERRARI.

I) INTRODUZIONE : CIFRE.

  • INNANZITUTTO, RITENGO DOVEROSO RINGRAZIARE TUTTI COLORO CHE LEGGONO IL BLOG . IERI 11 DICEMBRE, LE  LETTURE SONO STATE 246 (RECORD IN 24 ORE, PER IL PERIODO SETTEMBRE-DICEMBRE 2017), E I LETTORI 109. 
  • DAL 1° SETTEMBRE 2017 AL 10 DICEMBRE, I CINQUE BLOG PIU’ LETTI SONO STATI I SEGUENTI :
  1. 19 SETTEMBRE ; ” MY DEALERSHIP , MY WORKSHOP FIRST ” ; 139 LETTURE.
  2. 3   OTTOBRE ; “QUALE BUSINESS IN UN MERCATO DI 2 200 000 UNITA’?”  102 LETTURE.
  3. 23 OTTOBRE;  “DIFFIDATE DELLE IMPOSTURE E DELLA PROSOPOPEA” ; 106 LETTURE.
  4. 2 NOVEMBRE; “COMUNICARE L’AZIENDA AL PUBBLICO ” ; 144 LETTURE.
  5. 1° DICEMBRE; “VEICOLI COMMERCIALI E INDUSTRIALI : UNA GRANDE MARCA E UNA BRUTTA STORIA ” (PRIMA PARTE) : 116 LETTURE.
  • LE CONSULENZE PIU’ “GETTONATE” DA CHI VISITA IL SITO E.F. ,    SONO SEMPRE IL “BUSINESS PLAN” (CIRCA 800 CONTATTI) E LE CONSULENZE “STRATEGICHE” (CIRCA 600 CONTATTI) .

II) AFFRONTARE DA SUBITO UN 2018 IN FORTE CRESCITA. 

           OGNI GIORNO O QUASI, SI HANNO NOTIZIE POSITIVE, IN MERITO ALL’ANDAMENTO DELL’ECONOMIA IN ITALIA ; E IL NOSTRO SETTORE (AUTOMOTIVE : VETTURE, VEICOLI COMMERCIALI E INDUSTRIALI, MOTOCICLI E SCOOTER ) E’ TRAINANTE PER  L’INDUSTRIA DEL PAESE.

DA PARTE NOSTRA, SIAMO PRONTI PER AFFRONTARE IL GRANDE MERCATO 2018: LE NOSTRE”CONSULENZE” E LE TRE “PROPOSTE2018, SONO GIA’ OPERATIVE (CLICCARE SU  www.ernestferrarifirst.com , POI SULLA VOCE  “CONSULENZE“).

NEL SITO, VOCE “CONSULENZE 2018″UNA NUOVA “PROPOSTA“, INTITOLATA “6 , 12, 15 RATE” E’ DISPONIBILE DA OGGI 13 DICEMBRE. CONSIGLIAMO DI LEGGERLA ED ANALIZZARLA; E SIAMO INTERAMENTE DISPONIBILI PER CHIARIRNE LE POTENZIALITA’ A CHI SI RIVOLGERA’ A NOI.

QUESTA NOSTRA NUOVA “PROPOSTA” MIRA AD AIUTARE GLI OPERATORI DEL NOSTRO SETTORE (CONCESSIONARI, ORGANIZZATI, RIPARATORI AUTORIZZATI), A COGLIERE TUTTE LE OPPORTUNITA’ DEL MERCATO, GRAZIE AD UNA ELASTICITA’ FINORA MAI PROPOSTA A NOSTRA CONOSCENZA, NELLA LIBERTA’ DI FAR VARIARE LE RATEAZIONI IN FUNZIONE DELLA TESORERIA DISPONIBILE NELLA VOSTRA AZIENDA.

NON E’ DUNQUE UN CASO, SE PIU’ DI UNA VOLTA DA  SETTEMBRE AD OGGI, ABBIAMO SCRITTO E RIBADITO CHE IL MERCATO AUTOMOBIL- ISTICO IN ITALIA RAGGIUNGERA’ DUEMILIONIDUECENTOMILA   IMMATRICOLAZIONI DI VETTURE NUOVE NELL’ANNO AUTOMOBIL- ISTICO “SETTEMBRE 2017-AGOSTO 2018”.

_________________

SCRITTO A ROMA DA ERNEST FERRARI, IL 13 DICEMBRE 2017.

TESTO COMPLETO E DEFINITIVO.

 

 

 

BLOG 7 DICEMBRE 2017 : “UNA GRANDE MARCA E UNA BRUTTA STORIA” ; PARTE SECONDA : “LA RISCOSSA” ; DA ERNEST FERRARI

BLOG 7 DICEMBRE 2017

“UNA GRANDE MARCA E UNA BRUTTA STORIA.”

PARTE SECONDA :  “LA RISCOSSA.”

DA ERNEST FERRARI

I) INTRODUZIONE :  MERCATO IN ESPANSIONE E AZIENDE FRAGILI.

          IL BLOG PRECEDENTE TRATTAVA DEL SUB-SETTORE “VEICOLI COMMERCIALI E INDUSTRIALI” ; ALLARGHIAMO ORA IL DISCORSO ALLE   AUTOMOBILI E ALLE DUE RUOTE MOTORIZZATE. LE DIMENSIONI DEI FENOMENI SONO DIVERSE, MA LA RELAZIONE TRA CASE E  RETI DI MARCA E’ SOSTANZIALMENTE LA STESSA : LE CASE ABUSANO DELLA SITUAZIONE DI DIPENDENZA ECONOMICA DELLE RETI. E NULLA O QUASI E’ CAMBIATO IN UN DECENNIO, DA QUESTO PUNTO DI VISTA.

            TUTTAVIA, SE SI INTERROGANO GLI OPERATORI SULLA LORO SITUAZIONE ECONOMICA ATTUALE, SI OTTENGONO TALVOLTA RISPOSTE IMPRONTATE AD UNA CAUTA,  MA PERSISTENTE,  IMPRESSIONE DI MIGLIORAMENTO ECONOMICO DELLE AZIENDE DI DISTRIBUZIONE E RIPARAZIONE. L'”EFFETTO MERCATO” ,  IN SINTESI, E’ PORTATORE DI CRESCITA DEL FATTURATO DELLE RETI. E IL MERCATO CRESCERA’ ANCORA NEL BIENNIO 2018-2019. LA NOSTRA PREVISIONE PER L’ANNO AUTOMOBILISTICO SETTEMBRE 2017-AGOSTO 2018 , RIMANE DI 2 200 000 (DUE MILIONI DUECENTOMILA) VETTURE NUOVE IMMATRICOLATE.

             DETTO QUESTO, LE RETI DI MARCA RIMANGONO ECONOMICA- MENTE E STRUTTURALMENTE FRAGILI, IN PARTICOLARE PER EFFETTO DELLA POLITICA DI INVESTIMENTI IMPOSTA DALLE CASE CONCEDENTI ALLE RETI . TUTTI SANNO CHE QUESTI INVESTIMENTI SONO ECCESSIVAMENTE COSTOSI, E MOLTO SPESSO INGIUSTIFICABILI… IN TERMINI COMMERCIALI O DI BUSINESS. IN SINTESI, LE RETI DI MARCA FINANZIANO FORZOSAMENTE LE CASE CONCEDENTI, ATTRAVERSO GLI INVESTIMENTI IMPOSTI ALLE RETI DALLE CASE STESSE .

II) LA RISCOSSA. FONDAMENTALI.

              STRATEGICAMENTE ED OPERATIVAMENTE, LA  DIALETTI- CA ECONOMICA DI UNA CONCESSIONARIA CON LA PROPRIA CASA CONCEDENTE, DOVREBBE ESSERE QUELLA DI UN CLIENTE NEI CONF -RONTI DI UN FORNITORE (O PIU’ DI UNO). PUNTO E A CAPO.  IL CHE NON HA NULLA A CHE VEDERE CON LA LOGICA “CAPO VS SUBALTERNO” , AMPIAMENTE APPLICATA NEL NOSTRO SETTORE.

                VALE LA PENA RICORDARE CHE UN CONCESSIONARIO, O IL PROPRIETARIO DI UNA ORGANIZZATA, O QUELLO DI UN’OFFICINA AUTORIZZATA , SONO DEGLI IMPRENDITORI , CHE HANNO INVESTITO I LORO CAPITALI NELLA LORO AZIENDA, A LORO RISCHIO. LE ESIGENZE IMPOSTE ALLE RETI DALLE CASE CONCEDENTI SONO VEROSIMILMENTE, IN SE’, ALTRETTANTE MANIFESTAZIONI DI ABUSO DI DIPENDENZA ECONOMICA.

                  DI FATTO, GLI OBBLIGHI E I DIRITTI RISPETTIVI DI UN OPERATORE DA UN LATO, E DI UNA CASA CONCEDENTE DALL’ALTRO, SONO OGGETTO DI UN CONTRATTO , (…. ALMENO TEORICAMENTE SINALLAGMATICO !) E NON DI UNA PRASSI DI TIPO GERARCHICO. IL FATTO CHE LE ASSOCIAZIONI DI CONCESSIONARI O ALTRI OPERATORI SIANO INESISTENTI O PUSILLANIME, SPIEGA IN PARTE COSPICUA LE INCOERENZE ATTUALI.

III) LA RISCOSSA : LE PRIME COSE DA FARE. AVVISI AI NAVIGANTI.

  1. ELIMINARE OGNI RIFLESSO INDIVIDUALE O COLLETTIVO DI SOTTOMISSIONE ALLE STRUTTURE OPERATIVE DELLA CASA CONCEDENTE.
  2. RIFIUTARE DI APPLICARE , DOPO ANALISI, LE DECISIONI DELLA CASA LESIVE DELL’INTERESSE DEGLI OPERATORI. (AZIONE COLLETTIVA SE POSSIBILE).
  3. RICERCARE UN ACCORDO DEGNO DI QUESTO NOME CON COLORO CHE, NELLA STRUTTURA DELLA CASA CONCEDENTE, SONO APERTI AD UNA NEGOZIAZIONE  ANCHE PARZIALE.
  4. AGIRE IN GIUSTIZIA SOLTANTO IN CASO DI RIFIUTO DEI NEGOZIATI, O DI MESSA IN OPERA DI UNA QUALSIASI TATTICA DI LOGORAMENTO DA PARTE DELLA CASA.
  5. ISOLARE ED ESCLUDERE DAGLI INCONTRI I SOLITI AMICI DEL GIAGUARO.

__________________

TESTO COMPLETO E DEFINITIVO, SCRITTO A ROMA IL 7/8 DICEMBRE 2017 DA ERNEST FERRARI

BLOG 1°DICEMBRE 2017 : “VEICOLI COMMERCIALI E INDUSTRIALI : UNA GRANDE MARCA E UNA BRUTTA STORIA .” DA ERNEST FERRARI

BLOG 1° DICEMBRE 2017 :

“VEICOLI COMMERCIALI E INDUSTRIALI : UNA GRANDE MARCA E UNA BRUTTA STORIA. ”

DA ERNEST FERRARI.

I ) UNA GRANDE MARCA VESSATA DA UN MANAGEMENT  INADEGUATO.

           LA GRANDE MARCA (NORD EUROPEA…) E’ STATA CONSEGNATA, IN ITALIA, AD UN MANAGEMENT NOSTRANO, IMPEGNATO A CONSERVARE LE PROPRIE PREROGATIVE, A COMINCIARE DALLA PROPRIA POLTRONA.

            NON E’ DATO SAPERE COME E PERCHE’ IL SUDDETTO MANAGE – MENT SI E’ TROVATO A VOLER  IMPORRE ALLA RETE DI MARCA, IN SE’ PROFESSIONALMENTE EFFICACE , L’ACQUISTO ASSURDO E ANTI ECONOMICO DI ATTREZZATURE OBSOLETE ED ASSAI ONEROSE.

              A QUANTO SI SA,TUTTAVIA, L’OPERAZIONE E’ IN CORSO, E LA RETE DOVRA’ SOBBARCARSI IL VECCHIO STOCK DI ATTREZZI, RIFILATOLE DALLA CASA MADRE. NON RISULTA A CHI SCRIVE, CHE ESISTANO ALTRI ESEMPI NELLA PROFESSIONE DI SCELTE COSI’ PALESEMENTE LESIVE DEGLI INTERESSI DI UNA RETE DI MARCA… DUNQUE DELLA GRANDE MARCA STESSA.

              COME GIUDICARE, ALLORA, IL MANAGEMENT ATTUALMENTE AI COMANDI IN ITALIA? O SI TRATTA DI UN MANAGEMENT   INCOMP- ETENTE, OPPURE… ? OPPURE SI TRATTEREBBE DI UN’ OPERAZIONE COSTRUITA VOLUTAMENTE  A SVANTAGGIO DELLA RETE E  DELLA STESSA GRANDE MARCA. E’ PROBABILE CHE LA PRIMA IPOTESI (INCOMPETENZA DEL MANAGEMENT) SIA QUELLA GIUSTA.

II) ABUSO DI DIPENDENZA ECONOMICA.

               A NOSTRO AVVISO, IL MANAGEMENT DELLA GRANDE MARCA HA COMMESSO, MAGARI INVOLONTARIAMENTE (?), UN ABUSO DI DIPENDENZA ECONOMICA NEI CONFRONTI DELLA PROPRIA RETE. SAREBBE ALLORA  UN TRIBUNALE  A DOVER  DELIBERARE, A MENO CHE LE PARTI (LA CASA CONCEDENTE DA UN LATO,  E LE RETI  DALL’ ALTRO) TROVINO UN ACCORDO.

                STA DI FATTO CHE LE RETI, VALE A DIRE LE OFFICINE AUTOR- IZZATE DELLA MARCA, SE NON SI DECIDERANNO AD  AGIRE IN  SEDE GIUDIZIARIA, DOVRANNO ACQUISTARE DALLA CASA UN MATERIALE OBSOLETO AD UN PREZZO DA STROZZINAGGIO.

                 IL DANNO IMMEDIATO SARA’ INGENTE, VALUTABILE IN DECINE  DI MIGLIAIA DI EURO PER OGNI OPERATORE ; MA QUEL DANNO SARA’ ANCHE SEGUITO DA ALTRE GRAVI CONSEGUENZE, COME IL DANNO DI IMMAGINE SUBITO DALL’AZIENDA (RIPARATORE AUTORIZZATO) E LO SQUILIBRIO, INTRODOTTO NEL BILANCIO DI OGNI AZIENDA COLPITA, TRA INDEBITAMENTO E CAPITALI PROPRI.

III) CONCLUSIONI PROVVISORIE E AVVISI AI NAVIGANTI.

  1.                   A TRATTARE CON IL DIAVOLO, ABITUALMENTE CI SI BRUCIA. MA UN COMPROMESSO MEDIOCRE E’ QUASI SEMPRE PREFERIBILE AD UNA VITTORIA ECLATANTE CON PERDITE IRRIMEDIABILI.
  2.                   DICONO I SICILIANI : “IL BUON TEMPO E IL CATTIVO TEMPO, NON E’  (SI : NON E’ ; E NON “NON SONO” )TUTTO IL TEMPO. ” OSSIA : E’ CERTO CHE LE RETI POTRANNO RIFARSI NEI CONFRONTI DELLA CASA, SE, PER ESEMPIO, SCEGLIERANNO  DI ORGANIZZARSI PER AVVIARE UNA “CLASS ACTION” NEI CONFRONTI DELLA GRANDE MARCA, OGGI IN MANO AD UN MANAGEMENT AGGRESSIVO E INCOMPETENTE.
  3.                   RIMANE EVIDENTE IL FATTO CHE, PER UN OPERATORE (CONCESSIONARIO O RIPARATORE AUTORIZZATO) DOVREBBE ESSERE MULTIMARCA .
  4.                     MI SI DICE CHE QUALCHE RIPARATORE SI E’ AFFRETTATO AD ACCETTARE LE CONDIZIONI IMPOSTE DALLA MARCA, HA ACQUISTATO GLI ATTREZZI OBSOLETI, ED HA VERSATO IL RICATTO RICHIESTO. NON E’ SORPRENDENTE : LA PAURA E LA FURBIZIA VANNO SPESSO DI PARI PASSO. PAZIENZA, E AVANTI TUTTA!

_________________

TESTO COMPLETO E DEFINITIVO.

SCRITTO A ROMA DA ERNEST FERRARI IL 2 DICEMBRE 2017.